Cosa sono i LUDI ROMANI?

 “Lì è tempo ora di ferie, e succedendosi in ordine i ludi ai ludi
tacciono le chiassose battaglie del foro eloquente.
Ora è il cavallo, ora è la scherma con le armi leggere,
ora è la palla, ora è il cerchio che corre con giri veloci;
ora la gioventù, dopo essersi unta di viscido olio,
immerge le membra affaticate nell’acqua Vergine.
Trionfa il teatro, e scroscia l’applauso delle opposte fazioni
ed echeggia il rumore dei tre teatri anziché dei tre fori.
O quattro volte felice, o infinite volte felice
chi può godersi Roma che non gli è stata interdetta!”

(Ov. Tristia, III, 12, 17-26)

UN’IDEA CHE DIVENTA PASSIONE

Evocare il mondo romano è stato forse il sogno più antico, a partire proprio da coloro che si sono accorti per primi della sua scomparsa, consapevoli del mutare dei tempi. Per secoli il classicismo è stata una sorta di corrente trasversale, che ha percorso il tempo e lo spazio e si è nutrito di idee, speranze, ideologie, paure, alla ricerca di una realtà migliore.

Oggi, nell’era della tecnologia e della comunicazione, provare a ricreare la Roma imperiale è una sfida ancora più difficile, perché noi moderni siamo ormai cresciuti, rifuggiamo dall’eccessiva retorica e banalità, siamo troppo smaliziati, aggrappati alle nostre conoscenze, sostenuti dalla nostra razionalità, dibattuti tra inconfessabili nostalgie e desiderio di verità. Ecco perché, lasciandosi alle spalle miti hollywoodiani e suggestioni romantiche, Ludi Romani si pone come un tentativo di coniugare ricerca filologica e intrattenimento, approccio scientifico ed esperienza emozionale, riflessione e divertimento. Riproporre ambienti, spettacoli, aspetti della vita quotidiana, significa promuovere una diversa conoscenza della storia romana, in cui è il fruitore a sperimentare e confrontarsi direttamente con una realtà complessa e affascinante, a vivere in prima persona un’esperienza che finora è stata solo raccontata.

COME UN GIORNO DI 2000 ANNI FA

Uno spaccato della Roma imperiale ricostruito nel cuore della città moderna. All’interno dell’area saranno allestiti spazi legati alle attività più importanti, si muoveranno i protagonisti dell’epoca, soldati, senatori, matrone, schiavi e uomini comuni, impegnati a vivere e sopravvivere in una metropoli piena di contraddizioni. Rappresentazioni teatrali, dimostrazioni di giochi (gladiatori, atletici), parate militari, letture e conferenze, offriranno un giusto equilibrio tra intrattenimento e sapere, tra leggerezza e approfondimento nella speranza di suscitare curiosità e passione per le nostre radici e per il mondo di cui portiamo una non facile eredità.

I GIOCHI E LA FESTA

Nel mese di Settembre, dedicato interamente a Giove Ottimo Massimo, si svolgevano i giochi detti anche Ludi Magni, imponenti e dispendiosi, che in età augustea si protraevano per sedici giorni. Consistevano in una serie di manifestazioni, una parata, il sacrificio, giochi circensi e rappresentazioni teatrali, che avevano luogo nel Circo Massimo, uno degli edifici di spettacolo simbolo della città, eretto secondo la tradizione dal re etrusco Tarquinio Prisco.

Danza, musica, teatro, abilità sportive e guerriere si mescolavano in una serie di eventi che coinvolgevano l’intera popolazione. I giochi erano in onore di Giove, venerato nel tempio sul colle Capitolino, garante della coesione dello stato, dell’eternità e del potere di Roma, del suo destino di grandezza.  

OBIETTIVI E SCOMMESSE 

  • DIVULGARE al grande pubblico la conoscenza della cultura e della civiltà romana, illustrandone gli aspetti e le caratteristiche principali attraverso un coinvolgimento diretto delle persone in una quotidianità raramente trasmissibile accademicamente.
  • CREARE una piattaforma comune che favorisca l’interazione fra i differenti attori operanti nei settori della cultura e del turismo, oltre che una importante fiera internazionale per l’artigianato storico e l’archeologia sperimentale.
  • SENSIBILIZZARE la comunità italiana e internazionale sull’importanza del patrimonio storico e culturale della nostra penisola e specialmente della città di Roma, che deve essere considerato come un’imprescindibile risorsa per lo sviluppo economico, civile e sociale della nazione e del mondo.
  • ALLESTIRE una struttura di supporto alle attività dei diversi gruppi di ricostruzione storica italiana riconducibili alla storia romana.

CRITERI E SCELTE

Non è semplice conciliare i diversi aspetti della progettazione, logistica, fedeltà storica, osservanza delle norme, fruibilità dei contenuti, ma vale la pena, ad ogni edizione perseguire le soluzioni migliori, cercare di rinnovarsi con apertura mentale e onestà intellettuale

La scelta dei luoghi da coinvolgere nell’evento è improntata al valore storico artistico del sito stesso, alla possibilità di valorizzare spazi meno frequentati o legati in maniera particolare alle attività svolte

  • le attività avranno carattere didattico e divulgativo, dovranno avvicinare il pubblico in maniera semplice e divertente alla storia antica
  • la disponibilità ad aprirsi a nuove idee e proposte consentirà di entrare in contatto con le diverse realtà della rievocazione, con le varie espressioni artistiche e culturali o esperienze ludico didattiche innovative, in modo da creare proficue collaborazioni e scambi di esperienze